Legge Regionale n.30/98: Interventi a favore della famiglia

Legge Regionale n.30/98: Interventi a favore della famiglia

Contributo ai sensi della legge regionale 30 del 10/08/1998 “interventi a favore della famiglia” – Riferimento Anno 2016

 

IL DIRIGENTE

Vista la Legge Regionale 10 agosto 1998 n. 30 concernente: Interventi a favore della famiglia”;

Vista la Delibera di Giunta Regionale n. 1579 del 19/12/2016;

Visto il Decreto del Dirigente del Servizio Politiche Sociali e Sport n. 59 del 24/05/2017;

Vista la Deliberazione del Comitato dei Sindaci dell’A.T.S. VI n. 33 del 22/06/2017;

RENDE NOTO

che sono aperti i termini per l’accesso aicontributi di cui alla L.R. 30/1998 (fondi 2016) riservati alle famiglie residenti nel Comune di San Lorenzo in Campo da almeno due anni e in possesso dei seguenti requisiti:

  1. “Donne sole” in stato di gravidanza o con figli, in presenza di situazione di disagio economico e sociale, con ISEE massima di € 10.000,00;
  2. Famiglie con numero di figli pari o superiore a tre in situazione di disagio economico e sociale, con ISEE massima di € 13.000,00;
  3. Famiglie in situazione di disagio economico e sociale con ISEE massima di € 7.500,00.

BENEFICIARI

Possono presentare domanda per l’accesso al beneficio tutti i soggetti che hanno ISEE non superiore ad € 7.500,00.

Le risorse regionali assegnate ai Comuni devono essere concesse con priorità:

  • alle famiglie con numero di figli pari o superiore a 3, in situazione di disagio economico e sociale, con ISEE massima di € 13.000,00;
  • alle donne sole in stato di gravidanza o con figli in situazione di disagio sociale ed economico, con ISEE massima di € 10.000,00.

Al riguardo si specifica che:

-          per “donna sola” si intende donna non coniugata e non convivente in stato di gravidanza oppure donna non coniugata e non convivente con figli riconosciuti da un solo genitore;

-          i figli minori o maggiorenni devono risultare a carico IRPEF.

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande vanno presentate su apposito modello disponibile presso l’Ufficio Servizi Sociali da restituire compilato in tutte le sue parti e corredato della documentazione richiesta entro il 2 OTTOBRE 2017.

E’ possibile presentare domanda per uno solo degli interventi sopra indicati.

Le domande di contributo, in forma di autocertificazione, sottoscritta dall’avente diritto, dovranno essere redatte sugli appositi moduli forniti dal Comune, corredati da tutta la documentazione di seguito elencata:

  • Attestazione ISEE, corredata di Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU);
  • Eventuale certificazione attestante lo stato di gravidanza (per le situazioni di cui al punto a);
  • Copia del permesso di soggiorno, per i cittadini non appartenenti ai paesi dell’Unione Europea;
  • Copia di un documento di identità.

DETERMINAZIONE ED EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO

L’erogazione del contributo avverrà a seguito della formazione di una graduatoria, sulla base delle priorità stabilite dalla Regione Marche, in ordine crescente di valore ISEE, e in caso di parità di valore tenendo conto:

  • del numero di figli minori presenti nel nucleo familiare del richiedente;
  • della più giovane età anagrafica del minore residente;
  • dell’ordine di presentazione della domanda.

AMMONTARE DEL CONTRIBUTO

L’ammontare del contributo spettante agli aventi diritto sarà pari a € 500,00 (fatta salva la ripartizione di eventuali residui).

Verranno ammesse a contributo le richieste secondo l’ordine di graduatoria, entro i limiti dell’importo a disposizione, fino a esaurimento del fondo comunale di riferimento e pertanto, oltre tale limite, la collocazione in graduatoria non è utile ai fini dell’accesso al beneficio.

Il contributo non è cumulabile con i seguenti altri interventi:

-          Assegno di maternità (INPS), ai sensi dell’art. 66 della legge 448/98 per l’anno 2016;

-          Assegno al nucleo familiare con almeno tre figli minori (INPS), ai sensi dell’art. 65 della legge 448/98 per l’anno 2016;

-          Contributi comunali a tutela della maternità e dell’infanzia erogati per l’anno 2016 a donne sole con figli riconosciuti da un solo genitore.

Non possono altresì presentare domanda di contributo:

-          altri componenti del nucleo familiare del richiedente;

-          soggetti che abbiano inoltrato analoga domanda di contributo in un altro comune del territorio regionale nell’anno 2016;

-          persone inserite in modo continuativo in strutture residenziali;

-          nuclei familiari con minori inseriti a tempi pieno in strutture residenziali o in famiglie affidatarie con il pagamento della retta a carico dell’ente locale.

Per ulteriori informazioni e/o chiarimenti, contattare l’Assistente Sociale (0721 774220 – 0721774230) nei giorni di LUNEDI dalle ore 9.00 alle ore 12.30 e MARTEDI dalle ore 16.00 alle ore 18.00.

Il Responsabile del Settore

Il Vice-Sindaco

Luciana CONTI


Scarica il Modulo di domanda al seguente link:

Modulo Domanda LR 30 -2016